Parliamo di un argomento che in tutta onestà è un po’ spiacevole per alcuni professionisti del marketing.

La concorrenza.

Indipendentemente dal settore in cui operi, il marketing è un gioco in cui si compete per attirare l’attenzione della tua audience. Per via dei numerosi canali di marketing attualmente disponibili, la concorrenza talvolta è spietata.

Riflettici su.

Concorrenza per traffico, posizionamento degli annunci pubblicitari, follower e vendite. L’elenco è interminabile. Se da un lato l’idea di condurre analisi sulla concorrenza non è particolarmente “divertente”, dall’altro è assolutamente necessaria.
Perché gli strumenti per l’analisi della concorrenza sono un must-have
L’aspetto positivo? Sono disponibili migliaia di strumenti di analisi della concorrenza per aiutarti a valutare in maniera rapida ed efficace la tua posizione rispetto ai tuoi principali concorrenti.

Grazie a tali strumenti puoi dedicare minor impegno a cercare gli scheletri nell’armadio dei tuoi concorrenti e più tempo al marketing effettivo.

Piuttosto che dedicare troppo tempo a cercare di spiare i tuoi concorrenti, perché non lasci fare il “lavoro sporco” a qualche strumento intelligente?

Ecco un elenco completo di strumenti di analisi della concorrenza che possono aiutarti a tale riguardo:

Strumenti di analisi della concorrenza per social media
Strumenti di analisi della concorrenza per SEO
Strumenti di analisi della concorrenza per contenuti
Strumenti di analisi della concorrenza per e-mail, annunci pubblicitari e settori

Strumenti di analisi della concorrenza per social media
1. Sprout Social
Poiché i social media rappresentano il canale principale per stabilire contatti con i clienti, non c’è punto di partenza migliore per l’analisi della concorrenza.

Sprout Social consente di scoprire le performance delle aziende concorrenti sui social media da molteplici angolazioni e informazioni.

Puoi utilizzare la suite di report sulla concorrenza di Sprout per valutare e ottimizzare la tua strategia sui social con informazioni esaurienti da monitorare su Facebook, Twitter e Instagram.

Sia che desideri ottenere un’anteprima generica di ciò che pubblicano i tuoi concorrenti o confrontare la tua crescita rispetto alla media dei profili confrontati, è tutto a portata di clic, senza noiose ricerche manuali e complicati fogli di calcolo.

Migliora la tua analisi con lo strumento Premium Analytics di Sprout che offre maggiori dettagli sulle tue piattaforme social, unitamente a tabelle e grafici interattivi che puoi personalizzare per allinearli ai tuoi obiettivi.

Sprout offre la stessa analisi sulla concorrenza anche per Instagram.

E puoi fare ancora meglio utilizzando lo strumento Advanced Listening di Sprout.

Facendo clic sulle conversazioni dei social disponibili pubblicamente, puoi scoprire rapidamente le opinioni dei consumatori su prodotti e servizi dei tuoi concorrenti, oltre a esaminare il tuo peso pubblicitario nel tuo settore.

Utilizziamo Listening per comprendere ciò che viene detto su di noi sui social media, e anche nel web in generale, ad esempio nei post dei blog e sui forum. Monitoriamo inoltre quanto viene affermato sui nostri concorrenti, e sui produttori che approvvigioniamo. Raccogliamo poi tutte queste informazioni e le utilizziamo nelle nostre strategie trimestrali per i social media per stabilire come personalizzare i contenuti a cui riteniamo che la nostra audience possa essere interessata.
Alex Hodgson
Social Media Manager

Inizia la prova gratuita
Con l’accesso diretto al sentiment dei consumatori, Sprout rende più semplice individuare opportunità per differenziare il tuo brand dalle aziende concorrenti.
2. Phlanx
Questo calcolatore di engagement di Instagram fornisce degli indizi sul livello di attività dei follower di un determinato account. È una risorsa straordinaria per analizzare la presenza su Instagram dei tuoi concorrenti. Inoltre è anche un modo per capire se un influencer ha follower leciti o meno.

Il tasso di coinvolgimento di Phlanx viene calcolato sulla base del numero di follower di un account rispetto al tasso di interazione dei follower con i contenuti (like, commenti, ecc).

Ad esempio, Trader Joes ha un tasso di coinvolgimento del 2,56%. Si tratta di un ottimo punteggio per un brand di grandi dimensioni che pubblica costantemente post.

Tuttavia, confrontiamolo con i like di Denny’s, azienda famosa per la sua cerchia di follower e accaniti fan sui social:

Questo punteggio non è l’unico aspetto importante della presenza di un brand su Instagram, ma offre una prospettiva molto utile.

Prendiamo ad esempio Adidas, uno degli account più seguiti. Questa azienda ottiene un engagement pazzesco con i suoi post, che si rivela tuttavia basso rispetto all’enorme numero di follower.

Questo dato nasconde un aspetto più importante dell’analisi sulla concorrenza sui social media. Il contesto è importante. È facile lasciarsi distrarre dal numero dei follower, ma l’engagement è senza dubbio una metrica molto più importante.
3. Social Blade
Social Blade è uno strumento divertente per monitorare i grandi brand. Stima il numero dei follower sulla base dei like di Twitter, Instagram e YouTube, oltre a offrire altri tipi di servizi. Sebbene venga spesso utilizzato per valutare la popolarità di personaggi famosi e YouTuber, fornisce anche alcuni dati interessanti ai professionisti del marketing.

Ad esempio, la sua analisi della concorrenza su Twitter assegna un “grade” sulla base del numero medio di retweet e like.

Cosa forse più interessante, Social Blade fornisce un aggiornamento quotidiano sui follower e un calcolo live degli stessi.

Un’altra straordinaria funzionalità di questo strumento è la possibilità di mettere a confronto le presenze dei brand sui social.

Strumenti di analisi della concorrenza per SEO
4. SEMRush
SEMRush è uno degli strumenti di SEO maggiormente utilizzati sul mercato, ma le sue funzionalità di analisi della concorrenza lo distinguono dagli altri. I principianti possono utilizzare SEMRush per ricavare i backlink della concorrenza e monitorare i cambiamenti nel loro posizionamento.

Ecco un dashboard esemplificativo dopo aver lanciato un’analisi del dominio per FreeCodeCamp:

Questa è la parte dell’analisi che fornisce una visualizzazione del numero dei competitor in termini di parole chiave:

Questo è uno strumento utilissimo per capire chi sono i tuoi concorrenti esclusivamente dal punto di vista della SEO. Allo stesso modo, evidenziare le parole chiave ricercate dalla concorrenza influenza direttamente la tua strategia dei contenuti.
5. Ahrefs
Un altro valido strumento per l’analisi della concorrenza per la SEO è il Site Explorer di  Ahrefs, che ti consente di controllare tutte le principali parole chiave organiche degli URL. Con questo strumento ottieni inoltre una stima approssimativa del traffico del competitor generato da tali parole chiave.

Basandosi sui backlink (invece che sulle condivisioni) è semplice anche scoprire i contenuti di un sito con le migliori prestazioni. Queste informazioni ti indicano il tipo di prodotti o messaggi che funzionano meglio per un brand.

Oltre ai contenuti più performanti, puoi valutare quali parole chiave generano il maggior traffico verso il sito di un concorrente.

Cosa dobbiamo ricordare di questi esempi? Effettuando periodicamente dei report, non dovrai più indovinare il traffico della concorrenza.
6. MozBar
Questa estensione per browser di Moz fornisce una visione a livello superficiale dell’autorevolezza di un sito agli occhi di Google. In base alla metrica di domain authority (DA) di Moz, MozBar assegna ai siti un punteggio DA a seconda delle loro probabilità di posizionamento nei motori di ricerca (sulla base di fattori quali i backlink). Più è elevato il punteggio DA, meglio è.

Inserito nel tuo browser, MozBar è un utile strumento per stabilire rapidamente le potenziali performance di ricerca di un sito.

Una volta abilitato, consente anche di visualizzare i dati relativi al confronto di siti di concorrenti nelle ricerche effettuate in Google.

MozBar ti permette di condurre un’analisi passiva della concorrenza mentre esamini i siti dei concorrenti per scoprire da quanto tempo operano e se ottengono o meno backlink.
Strumenti di analisi della concorrenza per contenuti
7. Buzzsumo
Buzzsumo ti consente di osservare i contenuti con le migliori performance per argomenti pertinenti al tuo brand e per specifici concorrenti. Questo strumento analizza l’engagement dei contenuti sui siti social e anche le condivisioni complessive nel web.

Non solo ti fornisce indizi per scoprire chi ottiene i maggiori successi in termini di contenuti del settore, ma ti aiuta anche a individuare potenziali tematiche di attualità da esaminare.

Sia che cerchi gli elementi più influenti del tuo settore o semplicemente una nuova idea per post su un blog, Buzzsumo ti fornisce risposte definitive.
8. Similarweb
Similarweb è uno strumento eccezionalmente completo sia per i contenuti che per la SEO. Ti aiuta ad analizzare in maniera più dettagliata i contenuti dei tuoi concorrenti e a stabilire da dove proviene il loro traffico.

Ad esempio, puoi stabilire il traffico da referral di un sito e analogamente anche dove un sito indirizza i propri visitatori.

E, aspetto ancora più importante per i content marketer, consente di scoprire quali argomenti vengono ricercati dai visitatori e quali altri siti pertinenti essi visitano.

9. Feedly
Se cerchi un modo per tenere d’occhio i contenuti di un concorrente senza controllare costantemente il suo blog, Feedly è la soluzione giusta.

Feedly è un aggregatore di contenuti che archivia e organizza contenuti man mano che vengono pubblicati, inclusi quelli dei tuoi concorrenti. Questo strumento ti consente di visualizzare le tematiche di grande attualità trattate dai tuoi concorrenti, tutte in un’unica pagina.

Strumenti di analisi della concorrenza per e-mail, annunci pubblicitari e settori
10. Mailcharts
L’e-mail marketing è senza dubbio uno dei canali più noiosi per l’analisi della concorrenza.

Riconoscendo questo aspetto negativo, Mailcharts aggrega e-mail di campagne della concorrenza per aiutarti a influenzare la tua. Oltre a ricavare gli oggetti delle e-mail, Mailcharts raccoglie dati quali frequenza d’invio e li confronta con i dati delle tue campagne commerciali per capire il posizionamento delle tue e-mail.

Inoltre, questo strumento confronta le tue campagne con la sua enorme library di e-mail di marketing per verificare che tu sia in linea con le migliori pratiche (rifletti sui seguenti elementi: tempistiche, frequenza, lunghezza dell’oggetto delle e-mail, ecc.).

Non solo Mailcharts è un valido strumento per l’analisi della concorrenza, ma il suo sito web offre migliaia di esempi di e-mail da cui trarre ispirazione. Ottenendo dati da alcune delle maggiori campagne esistenti, ti farai un’idea migliore di come sono le attuali e-mail con le migliori performance.
11. Owletter
Questo strumento aggrega automaticamente e-mail dei concorrenti e le organizza in un semplice e intuitivo dashboard. L’analisi di Owletter individua modifiche nella frequenza delle e-mail dei concorrenti, e raccoglie analogamente tendenze per aiutarti a ottimizzare i tempi d’invio delle tue e-mail.

Rappresenta un’efficiente alternativa data-driven all’avere un account e-mail fittizio con cui spiare i tuoi concorrenti.
12. iSpionage
Se sei interessato agli annunci pubblicitari a pagamento di un concorrente, iSpionage è decisamente la soluzione che fa al tuo caso. Questo strumento analizza più aspetti delle campagne PPC (Pay-per-click), compreso il numero delle parole chiave che un brand ha come target su AdWords:

Consente inoltre di scoprire quali sono le parole chiave target della campagna PPC.

Con iSpionage puoi inoltre scoprire quali brand competono per annunci pubblicitari PPC per un determinato argomento e l’ammontare del budget mensile che destinano a tali annunci.

Per i brand che valutano l’utilizzo di PPC, questo strumento è indispensabile per mantenere aspettative realistiche sulle spese per gli annunci.
13. Owler
Dulcis in fundo, questo strumento di analisi del settore utilizza i dati della community per gestire dati e contenuti di startup pertinenti alla tua nicchia di mercato. Si tratta di un altro strumento riservato alle aziende di maggiori dimensioni, in cui si immettono i brand per creare il proprio dashboard personalizzato di nominativi del settore da tenere d’occhio.

E con questo abbiamo terminato la nostra lista!
Rapidi suggerimenti per condurre un’analisi della concorrenza
Sebbene ciascuno di questi strumenti possa effettivamente aiutarti ad analizzare i tuoi concorrenti, devi anche tenere presente cosa accade dopo aver analizzato i numeri. Riportiamo di seguito una sorta di “ultima considerazione” su come sfruttare al meglio i vari strumenti per l’analisi della concorrenza.
Analizza i tuoi concorrenti effettivi
È inutile cercare di metterti contro chi è più forte di te. Un bar locale con 1.000 follower non dovrebbe biasimarsi per il fatto di non avere lo stesso numero di follower di Starbucks o di Dunkin’ Donuts.

Come specificato in precedenza, il contesto è importante. Dai uno sguardo a cosa fanno i più importanti operatori del tuo settore. Tuttavia, quando valuti la concorrenza, concentrati in primo luogo sugli operatori più affini in termini di dimensioni e target di riferimento.
Concentrati innanzitutto sulle metriche
Quando si analizzano i concorrenti, si ha la tentazione di ossessionare con i messaggi.

Tuttavia, è più prudente adottare in primo luogo un approccio all’analisi data-driven. Cerca di individuare il maggior numero possibile di metriche prima di provare ad analizzare i motivi del marketing della concorrenza.

Ad esempio, con quale frequenza i tuoi concorrenti pubblicano nuovi contenuti? Qual è il rapporto fra post promozionali e post non promozionali? Quali sono le parole chiave e gli hashtag con le migliori performance dei tuoi concorrenti?

Le risposte a queste domande sono senza dubbio tanto importanti quanto comprendere i messaggi di qualcuno.
Trasforma l’analisi in azione
Infine, accertati che i dati che rilevi si traducano in qualche sorta di azione.

Forse dalla tua ricerca riesci a scoprire un nuovo gruppo di parole chiave su cui concentrarti per i tuoi contenuti. Forse non hai promosso i tuoi contenuti in maniera sufficiente rispetto al livello di impegno dedicato a tale aspetto dai tuoi concorrenti.

In ogni caso, l’obiettivo finale dell’analisi della concorrenza è migliorare la tua strategia di marketing. Più informazioni riesci a raccogliere dai concorrenti, meglio è.
Quali strumenti utilizzi per l’analisi della concorrenza?
L’analisi della concorrenza è un elemento fondamentale per perfezionare la tua strategia di marketing. Utilizzando il giusto insieme di strumenti, puoi eseguire rapidamente la tua analisi e dedicare effettivamente più tempo a concentrarti sui tuoi sforzi.

Allora, con quale frequenza spii la concorrenza? Vi sono degli strumenti che consideri indispensabili per condurre l’analisi della concorrenza? Faccelo sapere nei commenti in basso.