Probabilmente molti brand misurano il successo sui social media in base alla propria crescita. I tuoi follower sono aumentati del 20%. Ottimo! Ogni tuo post riceve in media il 10% di commenti in più. Fantastico! O no?

Anche se tutti questi dati risultano eccellenti, sono all’altezza di quelli di brand simili del tuo settore? Puoi facilmente rispondere a tutte queste domande e ad altri quesiti effettuando un’analisi della concorrenza sui social media.

Anche se dovresti prestare attenzione a non lasciarti coinvolgere troppo dal confronto con altre aziende, un’analisi della concorrenza sui social media può fornirti informazioni utilissime su ciò che funziona nel tuo settore, su alcuni aspetti da migliorare e su come elaborare la tua strategia per i social nel corso del tempo.

La domanda è: come iniziare? Non preoccuparti, abbiamo riassunto il processo in cinque semplici passaggi.

Come eseguire un’analisi della concorrenza sui social media (fai clic per passare a una sezione)

Individuare i concorrenti sui social media
Raccogliere i dati
Analizzare l’attività dei concorrenti
Potenziare la propria analisi della concorrenza
Utilizzare i dati

Non vuoi iniziare da zero? Ci pensiamo noi. Scarica il nostro modello gratuito di analisi della concorrenza sui social media.

1. Individuare i concorrenti sui social media
Innanzitutto, individua i tuoi concorrenti sui social media e scopri quali piattaforme utilizzano. Magari hai già una vaga idea dei tuoi principali concorrenti. Ma questo non è sufficiente. Vuoi concentrare l’attenzione sui concorrenti che utilizzano attivamente il marketing sui social media per far crescere la propria azienda.

Se cerchi concorrenti sui social media nel tuo spazio, osserva i brand che utilizzano attivamente i social. Questi sono i brand dai quali puoi apprendere e con i quali confrontarti. Non puoi confrontare la tua strategia social con un brand che effettivamente non ne ha una. Devi invece osservare i brand del tuo settore che utilizzano i social come elemento fondamentale della loro strategia di marketing.

Il modo più semplice per individuare i tuoi concorrenti è Google. Effettua la ricerca con le parole chiave che i consumatori utilizzerebbero per trovare la tua azienda. Ad esempio, se la tua azienda vende caffè macinato, in Google dovrai cercare “caffè macinato” o “caffè solubile”.

Puoi escludere grandi mercati online come Amazon o Target. Cerca siti web del tuo settore specifico. Nel nostro esempio, La Colombe e Folgers potrebbero essere ottime opzioni. Il secondo passaggio consiste nel visitare ciascun sito web e scoprire se sono attivi o meno sui social media, e quali piattaforme utilizzano.

La maggior parte dei siti web ha link ai rispettivi profili sui social media nell’intestazione o nel piè di pagina del proprio sito.

Dai anche uno sguardo ai social network a cui intendi dedicarti. Peet’s Coffee è una famosa azienda produttrice di caffè molto attiva sui social media. Pertanto è logico aggiungere anche questo nome alla nostra analisi.

A seconda del tuo settore, concentrati su cinque concorrenti e inseriscili tutti nel nostro pratico modello. Questo è lo spazio in cui archivierai tutti i tuoi dati.

Come puoi notare, nel nostro foglio elettronico sono presenti sezioni per Facebook, Twitter e Instagram. Per la tua analisi, puoi scegliere i social network che preferisci. Probabilmente noterai che la maggior parte dei brand del tuo settore ha tre o quattro piattaforme principali in comune.

Questo processo può richiedere molto tempo se operi in un settore altamente competitivo. Tuttavia, più sei meticoloso, migliori saranno i risultati che otterrai.
2. Raccogliere i dati
Dopo aver limitato il numero dei tuoi concorrenti, il passaggio successivo consiste nel raccogliere dati.

Il processo sarà leggermente diverso a seconda delle piattaforme di tuo interesse.

Crea i tuoi report in Sprout
Semplifica le ricerche dettagliate della tua analisi in qualsiasi momento utilizzando la funzionalità Report builder di Sprout.

Crea all’occorrenza report personalizzati per ciascun network collegato per confrontare facilmente panoramiche dell’attività, statistiche, crescita e molto altro.

Inizia una prova gratuita di 30 giorni per scoprire tutto ciò che Sprout può fare per te.
Vediamo ora come confrontare il tuo brand con la concorrenza. Per i nostri fini, ci atterremo a Facebook, Twitter e Instagram dal momento che sono le piattaforme più utilizzate.
Analisi della concorrenza su Facebook
Inizia effettuando una revisione manuale della pagina del tuo concorrente. In tal modo potrai vedere informazioni di base come il numero delle persone che seguono o sono fan della sua pagina.

È inoltre consigliabile annotare tutte le schede o caratteristiche specifiche della pagina. Alcune torrefazioni potrebbero avere abilitata la funzione Shop. Se notiamo la stessa tendenza con altri concorrenti, è probabilmente indice di una pagina che per loro funziona.

È utile conoscere il numero dei follower, ma la tua analisi della concorrenza non deve limitarsi a questo dato. Utilizza il Facebook Competitor Report di Sprout per ottenere dati aggiuntivi e capire in che misura le performance dei contenuti della concorrenza sono valide per un determinato periodo di tempo.

Puoi vedere quanti messaggi vengono inviati e ricevuti dai tuoi concorrenti, i tipi di contenuti che pubblicano (testi, immagini o video), l’engagement e il numero di messaggi che ricevono.

Includi tutti questi dati nel tuo foglio di calcolo, oltre a metriche aggiuntive importanti per il tuo brand.
Analisi della concorrenza su Twitter
Nel passaggio successivo devi osservare alcune metriche specifiche di Twitter utilizzando uno strumento di analisi dei social media.

Il software di analisi di Twitter di Sprout è lo strumento ideale per questo tipo di operazione. Consente infatti di confrontare i tuoi profili Twitter tra loro o con quelli di un concorrente. Seleziona il tuo account Twitter, quindi inserisci il nominativo di un concorrente nell’altro campo.

Il report mostra engagement, influenza, numero di follower acquisiti/persi e citazioni. Puoi modificare il periodo di riferimento, tuttavia è meglio attenersi agli ultimi 30 giorni affinché i dati restino pertinenti.

Dopo aver esaminato tutte le analisi della concorrenza sul social ottenute dal report su Twitter, immetti i dati nel tuo foglio di calcolo. Monitorare queste informazioni può essere estremamente utile per il futuro.
Analisi della concorrenza su Instagram
Instagram non ha molti dati pubblici disponibili sui tuoi concorrenti. Comunque, con l’Instagram Competitors Report di Sprout puoi facilmente confrontare il tuo brand con la concorrenza e procedere a valutazioni comparate per punti chiave:

Crescita dell’audience: valuta se i tuoi concorrenti riescono a far crescere la propria audience più rapidamente di te.
Pubblicazioni sui media: fatti un’idea della frequenza con cui i tuoi concorrenti pubblicano qualcosa. Potresti scoprire che non pubblichi abbastanza da mantenere l’engagement della tua audience.
Engagement: scopri quanti like e commenti ricevono i tuoi concorrenti per i loro contenuti.
Hashtag: scopri gli hashtag utilizzati con maggior frequenza dai tuoi concorrenti. Potresti usare gli stessi nei tuoi post, se pertinenti, e ottenere esposizione a un maggior numero di persone.
Post principali: dai uno sguardo ai post più popolari dei tuoi concorrenti. Cerca di capire perché le performance di questi post sono ottime. Sono foto di prodotti? Utilizzano specifici colori? Scopri cosa di questi post manca nei tuoi contenuti e utilizza le informazioni per migliorare le tue immagini e i tuoi video.

Un’altra tattica interessante consiste nell’effettuare una ricerca per #Folgers su Instagram e vedere quanti risultati si ottengono.

In tal modo avrai un’idea chiara delle popolarità del tuo concorrente. Se molte persone effettuano la ricerca tramite #nomedelbrand, significa che l’azienda sta operando nel modo giusto e ha follower attivi.

Se ti capita di notare una situazione in cui risultano varianti dell’hashtag di un brand, opta per la scelta più popolare, che di solito è il nome dell’azienda. Ad esempio, Folgers ha pochi hashtag, ma noterai che la maggior parte dei post utilizza #Folgers unitamente ad alternative quali #folgerscoffee. In questa situazione, ha più senso utilizzare semplicemente #Folgers.

Otterrai i post di Instagram correlati che sono esattamente ciò che stavi cercando. Accertati che gli esiti delle tue ricerche siano pertinenti all’azienda perché alcuni brand finiscono per lottare per gli stessi hashtag.

Una volta ottenute tutte le informazioni dalla tua ricerca sull’analisi della concorrenza su Instagram, aggiungi questi dati al tuo foglio di calcolo.
3. Analizzare l’attività dei concorrenti
Se sei alle prime armi con l’analisi sulla concorrenza, puoi raccogliere manualmente i dati e poi iniziare a osservare in che modo i tuoi concorrenti utilizzano ciascuna piattaforma.

La prima cosa da stabilire è in che misura i tuoi concorrenti sono attivi. Ecco alcune domande che devi porti:

Da quanto tempo non pubblicano un post?
Tra un post e l’altro trascorre molto tempo?
Rispondono ai commenti?

È piuttosto semplice valutare in che misura i brand sono attivi rispondendo a queste tre domande. I brand dovrebbero pubblicare post almeno ogni due giorni per essere considerati attivi.

Successivamente, valuta il tipo di contenuti pubblicati dai tuoi concorrenti. Nello specifico, vuoi capire qual è la percentuale dei loro post di carattere promozionale. Esamina gli ultimi 10 post di ciascun concorrente e calcola qual è la percentuale di post promozionali. Dal momento che questo calcolo potrebbe essere un po’ complicato, in linea di massima possiamo affermare che se i post contengono una call to action per effettuare acquisti, sono promozionali.

Dopo aver analizzato ciascun concorrente, inserisci i dati nel tuo foglio di calcolo.

Alcuni professionisti del marketing preferiscono osservare la voice del brand del proprio concorrente quando effettuano un’analisi dei social media. Per voice si intende il tono e il POV che un brand utilizza sui social media. Pubblica post dal punto di vista del brand (noi) o lascia pubblicare le persone per conto del brand (John)?

Includi queste informazioni se lo desideri, ma il tuo tono specifico dipenderà prevalentemente dalle linee guida sullo stile del tuo brand, e non dovrà essere troppo influenzato da ciò che fanno i tuoi concorrenti.

Poi, dai uno sguardo ai siti web dei tuoi concorrenti. Come sai, content marketing e social media sono strettamente correlati. Di conseguenza, molte aziende utilizzano blog per creare contenuti da rendere disponibili sui social media. Dai uno sguardo ai tuoi concorrenti per scoprire quanti di loro hanno dei blog.
4. Potenziare la propria analisi della concorrenza
Se sei un profano dell’analisi della concorrenza sui social media, effettuarla manualmente con il nostro modello può aiutarti a familiarizzare con le performance dei tuoi concorrenti e ti consente di scoprire schemi a cui adeguarti.

Se invece sei pronto a spingerti oltre nella tua analisi della concorrenza, il social listening ti offrirà una prospettiva molto più ampia di tutte le conversazioni sui social che riguardano il tuo settore e i tuoi competitor. Il modello per l’analisi della concorrenza di Sprout consente di valutare la presenza sui social dei tuoi competitor e di confrontarla con la tua.

Con questo modello, puoi individuare i concorrenti principali che intendi monitorare e includere specifici profili, parole chiave, frasi e hashtag a cui desideri che Sprout presti attenzione.
5. Utilizzare i dati
Ora che hai raccolto tutti questi dati, è necessario metterli in uso. Utilizzando l’analisi dei social media del tuo brand, puoi confrontare i tuoi profili con quelli della concorrenza. Ecco perché abbiamo inserito una riga nel nostro modello riservata ai dati della tua azienda.

È importante tenere presente che questa analisi della concorrenza non viene effettuata affinché tu possa copiare esattamente ciò che fanno gli altri. Invece, ti guiderà a partire con il piede giusto.

Ad esempio, probabilmente la tua analisi mostra che la maggior parte della concorrenza pubblica solo post promozionali il 10% delle volte. Altrettanto probabilmente non vuoi discostarti di molto, altrimenti rischi di deludere la tua audience.

Potresti inoltre scoprire di aver puntato sui social network sbagliati. Nel nostro esempio, è chiaro che Facebook e Instagram sono le piattaforme giuste per questo tipo di investimento. Tutti i concorrenti che non le usano perderanno sicuramente ottimi affari.
Presta attenzione ai dati
In ultima analisi, si tratta solo di confrontare le metriche del tuo brand con i dati della concorrenza. Apporta le modifiche necessarie alla tua strategia basandoti su quanto hai riscontrato. Se non hai mai eseguito un’analisi della concorrenza sui social media, provaci! Le informazioni che scoprirai ti consentiranno di essere in vantaggio rispetto ai tuoi concorrenti utilizzando alcune delle loro tattiche! A quel punto, quando sarai pronto, esegui un’analisi più dettagliata servendoti degli argomenti dell’analisi della concorrenza offerta dal Listening di Sprout per approfondire ulteriormente e scoprire le tendenze che emergono dai dati dei tuoi competitor.

Hai mai portato a termine un’analisi della concorrenza sui social media? Lascia un commento e facci sapere cosa include!