EdgeRank

EdgeRank era il nome del vecchio algoritmo di Facebook.

The Facebook algorithm determines how posts are presented to your potential customers and followers. EdgeRank and the newer algorithms use a multitude of mathematical variables and operations to measure the popularity and potential of the material you create for social media.

Stando a Facebook, l'algoritmo propone ai clienti i contenuti a cui sono più interessati. Negli ultimi anni, questo ha sottratto importanza ai contenuti sponsorizzati, rendendo prioritario il materiale organico su Facebook.

Come funzionava EdgeRank?

EdgeRank è stato progettato da Serkan Piantino per aiutare a organizzare l'enorme quantità di contenuti pubblicati ogni giorno su Facebook. Nel 2011, Facebook ha rimpiazzato EdgeRank con gli algoritmi di apprendimento automatico.

Essendo fondato sull'apprendimento automatico, il nuovo algoritmo di Facebook è in grado di diventare sempre più intelligente e preciso con il passare del tempo. Nel 2013, infatti, è riuscito a valutare oltre 100 000 fattori nel posizionare i contenuti. Da allora, la quantità di dati elaborati dall'algoritmo di Facebook non ha mai smesso di crescere.

EdgeRank si basava su tre fattori principali per organizzare i contenuti mostrati nel feed di Facebook, ovvero:

Cosa ne è stato di EdgeRank?

Edgerank was replaced by the machine learning algorithm that Facebook uses today, to ensure that the social channel could deliver the highest quality of content for users. In 2018, Facebook announced that it would be pushing back against branded content and giving audiences more of the authentic, valuable posts they were looking for on the channel.

Despite this, Facebook continues to deliver one of the best ROIs for social media marketers, thanks to the size of the network’s user base.

L'ultimo algoritmo è molto simile a EdgeRank, poiché quando deve determinare dove posizionare i contenuti, tiene ancora conto dell'affinità tra le persone. Il nuovo algoritmo, inoltre, prende in considerazione anche le interazioni spontanee. Ciò significa che le aziende possono attirare maggiormente l'attenzione online incoraggiando le persone a mettere Mi piace e a commentare i propri post.

Ogni volta che l'algoritmo si aggiorna, le aziende su Facebook devono elaborare un nuovo piano per interagire con i follower online. In merito all'ultimo aggiornamento, i suggerimenti più validi possono essere: